09 aprile 2008

più attendibile di cento sondaggi



I sondaggi elettorali non sono più divulgabili da qualche giorno, comunque la loro attendibilità era piuttosto minata dalle differenze vistose tra i vari risultati, senza contare i sondaggi commissionati direttamente dalle parti politiche.
Una sorta di sondaggio, per certi versi più attendibile, sono le quote dei bookmaker inglesi per il risultato elettorale.
Non che non possano essere sbagliati anche questi. Ma poiché in base alle quote dovranno poi liquidare delle vincite in denaro, hanno la massima convenienza economica che le quote siano esatte. Gli errori li pagherebbero molto salati.
E le quote mostrano chiaramente chi è il favorito. Ad oggi pomeriggio Sportingbet dà Berlusconi 1 a 5 (se punto 5, vinco 1 - riprendendo ovviamente anche i 5) e Veltroni 3 a 1 (se punto 1, vinco 3), mentre Betfair dà Berlusconi allo 0,3 a 1 e Veltroni al 4.6 a 1.
Le quote sono aggiornate in tempo reale e si possono seguire qui.
Nella figura 2 c'è lo storico delle quote: Veltroni oscilla, ma la sua quota è sempre più alta e in crescita (quindi, vittoria sempre meno probabile), mentre quella di Berlusconi è stabile e bassa.
Presumibilmente queste quote si riferiscono al risultato alla camera, la dizione usata è Next Italian President, del resto ci si può aspettare che all'estero stentino a comprendere i bizantinismi della nostra legge elettorale. Quindi non si può scommettere sull'eventuale pareggio al senato e il grande inciucio o grande coalizione di sorta, e non sono menzionate le candidature ad hoc per quello scenario, come l'inevitabile Mario Monti.
Chi, al contrario, è seriamente convinto della vittoria di Veltroni può vantaggiosamente scommetterci sopra, obbligatoriamente dall'Inghilterra, poiché dall'Italia non è possibile puntare, in quanto quei siti non rientrano nell'elenco di quelli autorizzati dall'AAMS (Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato) per l'Italia. Certo non si diventa ricchi, ad esempio puntando 100 euro se ne vincono da 300 a 460. Per sbancare davvero i bookmaker dovrebbe vincere un Bertinotti o un Ferrando, dati a 999 a uno (con 100 euro se ne vincerebbero quasi 100 mila).
Certo che in quel caso non ci sarebbe neanche bisogno di puntare. A fare la parte del banco e pagare la vincita agli italiani, per una volta, sarebbero i Berlusconi e i Montezemolo, i Luca Luciani e i palazzinari. Fantapolitica.

17 commenti:

moltitudini ha detto...

In realtà non è che le quote autino granchè: nel senso che la vittoria alla camera di Berlusconi è scontata, non è certo una situazione nella quale servono i bokkmakers inglesi.
La cosa interessante sarà la dinamica del voto.

Jean Lafitte ha detto...

non è vero che la vittoria alla camera sia scontata secondo gli ultimi sondaggi. andate a informarvi nelle sedi dei partiti.

riguardo ai bookmaker l'altra volta berlusconi era dati 5:1 peggio di qualsiasi quota data alla vittoria a veltroni poi ottenne più voti di prodi al senato...

conteoliver ha detto...

@moltitudini:
sono d'accordo, però Veltroni ha detto ad esempio "ci credo, siamo come l'Italia dell'82", per non menzionare le dichiarazioni del suo esercito
@jean lafitte:
perché, fanno entrare chiunque nelle sedi di partito ?
comunque vedremo... l'altra volta c'erano loro al ministero dell'interno e si sottovalutò la norma del porcellum sulla nomina degli scrutatori.

Anonimo ha detto...

Ma no, se vincono Bertinotti e Ferrando sarà un paese di Cuccagna: cinque volte Natale e festa tutto il giorno.
KK

conteoliver ha detto...

@KK:
per il tuo conto corrente sarebbe una rovina già Bersani, figuriamoci Bertinotti e Ferrando
:)

Anonimo ha detto...

Stai scherzando, spero. Bersani per il mio conto corrente è stato una manna.
Bertinotti e Ferrando sono del tutto innocui per i pesci grossi; sarebbero una rovina solo per i pesci piccoli.
KK

loris ha detto...

Credo siano molto più attendibili le previsioni dei bookmaker a tutte quelle fatte dai vari partiti.
Mi chiedo cosa intendeva dire Veltroni con:" l'Italia ha bisogno di voltare pagina." Intendeva forse voltarla alla fotocopia di tutto il governo Prodi?

conteoliver ha detto...

@KK:
a parte gli scherzi, è difficile prevedere gli effetti di un governo Bertinotti o Ferrando.
Per esempio mi ricordo che avevo grandi aspettative per il primo governo dell'ulivo (del resto ero nato e cresciuto sotto la Dc), che andarono deluse.

@loris:
effettivamente Veltroni ha voluto smarcarsi dal governo Prodi e in parte c'è anche riuscito. Ad esempio ha chiesto a Prodi di non tenere la conferenza stampa finale di chiusura della campagna elettorale che spettava al presidente del consiglio uscente.

rectoscopy ha detto...

"Berlusconi 1 a 5 (se punto 5, vinco 1 - riprendendo ovviamente anche i 5)"

oh noooo!
il sito di SportingBet non è raggiungibile altrimenti mi sarei giocato tutti i risparmi!
Di questi tempi non è facile trovare un "investimento" che ti rende il 20% nel giro di una settimana con il solo rischio di avere 5 anni di neurodeliri...

clark kent ha detto...

bah..le quote...
vedere ieri qui a napoli la folla che seguive veltroni e l'affetto verso bassolino...

Primaticcio ha detto...

Caro Conte,
effettivamente le quote dei bookmaker non possono essere accusate di voler favorire l'uno o l'altro perché poi ci smenerebbero di tasca propria.
Però, a differenza del sondaggio, credo che qui conti molto non tanto per chi votino gli scommettitori, quanto chi credano che risulterà vincitore. Nel senso che io non voterei mai Berlusconi, ma se dovessi puntare punterei su di lui e così facendo farei diminuire la sua quotazione. Anzi, quasi quasi una puntatina la faccio anche, giusto per trovare una consolazione il 14 aprile...

Ciao.

loris ha detto...

Leggendo il tuo commento su Berlusconi ora ho la conferma che buona parte degli italiani è masochista.
Non amo Berlusconi ma a seguito dei danni che la sinistra ha sempre e costantemente provocato non capisco come si possa ancora credere a tutte le balle che racconta Weltroni magari votandolo.
Credo che la coerenza dovrebbe suggerirci di scegliere il meno peggio.

conteoliver ha detto...

@rectoscopy:
se uno se la sente... però come investimento è comunque un po' rischioso. Tra l'altro, come nel calcio, c'è sempre qualcuno che dice che è tutto truccato.
@clark kent:
ho letto delle folle ai comizi di Veltroni. Vediamo cosa succederà lunedì. E' un po' come Manchester-Roma, era persa e c'era solo da guadagnare.
@primaticcio:
ma perché, dici che le quote partono alla pari per tutti e poi sono modificate via via solo dalle puntate degli scommettitori ?
@loris:
se può consolarti, non voterò per Veltroni (neanche per Berlusconi, ovviamente).

Anonimo ha detto...

@cinteoliver
In questo caso il voto dato ai partiti che non hanno nessuna posibilità di vincita è come votare scheda bianca.
Se imparassimo a non considerare più tutti i partiti che non hanno ormai nessuna ragione di esistere (vedi paesi avanzati che ne hanno solo due massimo tre) avremmo un minor affollamento alle camere, meno spese e meno confusione.

Anonimo ha detto...

A chi affidare l'azienda Italia?
1) Prodi (fa solo svendite, vedi IRI e Alitalia)
2) Veltroni ( è un politico incallito di ideologia comunista senza esperienza imprenditoriale)
3) Berlusconi ( ha costruito un impero economico, gode di stima a livello internazionale)

conteoliver ha detto...

@anonimo1:
non credo che tutti i problemi della politica italiana sia legato al numero di partiti, fermo restando che alcuni dei partiti che ci sono adesso non hanno senso.
In america, paese avanzato per antonomasia, nessun candidato superstite è contro il ritiro dall'Iraq. Votassi lì, avrei seri problemi a scegliere chi votare (li ho anche qui, comunque).

@anonimo2:
se la pensi davvero così, dovresti sapere chi votare...

Anonimo ha detto...

Non sapere chi votare è certamente un problema serio. Significa non rendersi conto della realtà, delle evidenze che il passato governo ci ha lasciato in eredità in soli 20 mesi.
Ritengo e ribadisco che l'intelligenza e la coerenza sia necessaria a scegliere il meno peggio e devastante.
Tra i piccoli partititi vedrei qualche spiraglio ma nessuno potrebbe ottenere il successo, quindi la scelta si riduce ad un solo partito che ritengo inutile indicare.